EPT di Londra: eliminazioni a raffica

Rimangono 125 giocatori in gara e la media è circa 46.000. Marcello Marigliano e Stefano Panzeri sono seduti al tavolo con Johannes Strassman che ha una montagna di chips da fare impallidire gli stack degli avversari, a confronto i 55.000 di Panzeri sembrano briciole e mi confida di avergli già regalato un pò di chips, come se non ne avesse abbastanza.

different_chips.jpg

Le novità dai tavoli italiani non sono tutte buone. Abbiamo assistito ad alcune eliminazioni e alcuni brutti colpi. Il primo dei nostri ad abbandonare la sala è Pierpaolo Ruscalla seguito subito dopo da Davor Lanini, l'eroe italiano del Main Event delle WSOP.

Pierpaolo investe le sue ultime chips, circa 11.000 con K-J e trova un avversario pronto a vedere con 5-5.
La coppietta tiene fino al river e ancora un italiano è out.

Davor invece esce con coppia di 8 viene messo all in per 13.500 da Eric Liu che si trova allo small blind con A-Q. La prima carta del flop è purtroppo una Q. E perdiamo anche Davor.
Eccolo nell'intervista fatta prima di sedersi al suo tavolo oggi.


Brutto colpo anche per Max Pescatori che scende a 64.400. Pescatori aveva rilanciato a 4.200 trovando Mizzi che dal big blind vede. Flop T-9-2 e bet di Mizzi che punta 6.700 e Max vede. Sorel Mizzi ancora bet 16.000 quando al turn arriva un 2 e Pescatori vede ancora. Al river 9 Mizzi chiama i resti circa 35K e Pescatori dopo averci pensato parecchio decide per il call. Purtroppo per lui Mizzi ha chiuso un full perchè ha in mano T-9, e Q-T di Max Pescatori non è sufficiente a batterlo.


Speroni_day2Londra.jpg

Beniamino Speroni al tavolo prima dell'eliminazione

Altro italiano che conclude la sua corsa è Beniamino Speroni che aveva rilanciato 5000 con A-Q trovando un raise dello small blind a 10.300. Ben Vede e dopo il flop Q-7-4 l'avversario manda i resti e l'italiano dopo aver coperto la puntata si trova davanti K-K. Non c'è nulla da fare ed è ancora meno uno per i nostri.